9 Novembre Festa della Dedicazione della Basilica Lateranense – “Mater et Caput”

La Basilica San Giovanni in Laterano

 

San Giovanni in Laterano è la Chiesa Madre e Capo di tutte le chiese di Roma e del mondo: così viene solennizzata su un basso rilievo fregiato prima di entrare nella Basilica.

Sacrosanta Chiesa Lateranense, Madre e capo di tutte le Chiese di Roma e del mondo.

Il nome Laterano deriva dal fatto che la Basilica è stata edificata sulla tenuta della famiglia dei Laterani, ereditata da Fausta, moglie dell’imperatore Costantino. Fu consacrata da Papa Silvestro il 9 novembre 324 ed ecco la ragione per cui la Liturgia fa memoria in questo giorno. La festa che celebriamo ha un’importanza speciale perchè la Basilica Lateranense fu la prima chiesa intitolata al Santissimo Salvatore e voluta dall’imperatore Costantino. Fino ad oggi tutta la Chiesa celebra questa festa come un’ attestazione di unità con il Papa che è Vescovo di Roma e Capo della Chiesa universale.

Questa Basilica testimonia un evento prodigioso che ha cambiato profondamente il Cristianesimo dei primi secoli grazie alla visione avuta dall’imperatore Costantino.

Raffaello, Visione della croce, Stanze di Raffaello nei Musei Vaticani

 

Riporta il Vescovo Eusebio di Cesarea, amico e consigliere di Costantino, che l’imperatore, la notte precedente la battaglia contro il suo nemico Massenzio in lotta per il totale dominio dell’impero romano, si domandava a quale dio chiedere aiuto per la protezione e la vittoria della battaglia. Decise di onorare il dio adorato nella sua famiglia, il dio Sole e, pregandolo, gli chiese di rivelargli chi fosse. Fu allora che nel cielo apparve la visione di una croce luminosa, che fu vista da tutto l’esercito, con la scritta “In hoc signo vinces”, ossia: “con questo segno vincerai”. Inoltre, il mattino seguente fece insignire gli scudi dell’esercito con il segno della Croce.

La battaglia ebbe luogo il 28 ottobre 312 nei pressi di Saxa Rubra e si concluse a Ponte Milvio. Massenzio annegò insieme al suo cavallo nel fiume Tevere e Costantino entrò a Roma trionfante.
Grazie a questa vittoria, l’Imperatore determinò la fine delle persecuzioni verso i cristiani che avevano vissuto per tre secoli dure persecuzioni in cui tanti cristiani furono martirizzati.Autorizzò pubblicamente il culto cristiano, con il celebre editto di Milano del 312.

Portico della Basilica Lateranense, Statua di Costantino

La Basilica che fu inizialmente dedicata dall’imperatore stesso, al Santissimo Salvatore come ringraziamento per la vittoria conseguita, solo in un secondo momento, verrà dedicata anche a San Giovanni Battista e a San Giovanni Evangelista e sarà popolarmente chiamata San Giovanni in Laterano.

Cattedra della Basilica Lateranense

L’importanza della “dedicazione alla Basilica lateranense” esalta il fatto che per la prima volta i cristiani si poterono riunire liberamente in unione con il loro vescovo per il culto e per ricevere l’insegnamento della dottrina di Verità. Da allora la Basilica è anche Cattedrale di Roma e del mondo. Qui il Papa ha la sua cattedra quale segno del suo insegnamento, del suo magistero e della sua presidenza. Per questo motivo il ministero petrino comincia quando il Papa eletto, prende possesso della cattedra di San Giovanni in Laterano.

Questo edificio rappresenta la Chiesa- assemblea, formata dalle pietre vive dei cristiani che ieri come oggi, continuano a testimoniare la loro fede in Cristo Gesù, il Santissimo Salvatore.